L'orso preoccupa gli abitanti di Poschiavo

La questione dell'orso denominato M13 è ormai sulla bocca di tutti gli abitanti della Val Poschiavo, diventando una problematica da affrontare a livello dell'amministrazione cantonale. Per chi non lo conoscesse, si tratta di un esemplare maschio di circa due anni, che dopo aver orso poschiavovagabondato durante la primavera e l'estate tra la Bassa Engadina, il Tirolo e l'Italia, da qualche tempo sembra essersi affezionato a Poschiavo e ai suoi boschi. Nei mesi scorsi sono state numerose le denunce dei cittadini che lamentavano uccisioni di animali da cortile o di apicoltori che hanno visto distrutte le proprie arnie. Il culmine è stato raggiunto qualche settimana fa, quando M13 si è avvicinato fino alle scuole di Poschiavo, spingendosi quindi in un ambiente urbanizzato con tutte le conseguenze che questo avrebbe potuto portare. Trattandosi si animale protetto in Svizzera, l'orso non può essere abbattuto o allontanato con la forza senza autorizzazione delle autorità. Per questo motivo  in questi giorni il sindaco di Poschiavo Della Vedova insieme ad alcuni rappresentanti cantonali grigionesi, hanno affrontato la questione in una riunione, stabilendo che al momento l'orso M13 rappresenta solo un "problema" ma non un "pericolo"; in virtù di ciò, la popolazione è stata invitata a prendere tutte le precauzioni necessarie a tutelare i propri beni (in primis gli animali da cortile) e ad evitare di attirare l''orso nel centro urbano con comportamenti a rischio (per esempio l'abbandono dei rifiuti all'esterno delle abitazioni, il cui odore attira l'animale). Per il momento quindi, nonostante le preoccupazioni della popolazione poschiavina si va avanti così, sperando che M13 non provochi ulteriori danni e non costringa le autorità a intraprendere misure più radicali.

LogoAlpeTeglio

 

I nostri Partner :

 

 


Questo contenuto si è rivelato utile ? E' sicuramente la cosa fondamentale, ma se vuoi ringraziarci ulteriormente puoi fare una donazione libera ! Grazie di cuore

Paypal: