Premana, il paese dei coltelli

Il paese di Premana (Lc)

 

Adagiata su un piccolo poggio al vertice dell'impervia Val Varrone e circondata da boschi di pini e larici ai piedi del Legnone (2609 mt.), il bellissimo paese di Premana (Lc) costituisce una sorta di mondo a se stante rispetto ai centri abitati delle vallate vicine.

Raggiungibile dalla Valsassina attraverso il valico dell'Alpe Paglio oppure de Dervio percorrendo la ripida e stretta strada provinciale della Val Varrone, Premana (1000 mt. Di quota) appare ai visitatori come un gruppo di case addossate l'una sull'altra, frutto della necessità di costruire abitazioni per oltre duemila persone in un spazio esiguo ed impervio.

 

L'isolamento a cui questo centro è stato sottoposto in passato ed in parte soffre tutt'ora, essendo appunto l'ultimo paese della Valsassina, ha permesso il mantenimento di molte peculiarità culturali estremamente interessanti, come i costumi comunemente utilizzati ancora oggi ed il dialetto, le cui caratteristiche si distinguono nettamente dalle restanti parlate lecchesi e valsassinesi.

Premana è da sempre estremamente legata al proprio territorio e alle sue tradizioni, per approfondire gli usi, i costumi e le tradizioni dei secoli passati non possiamo che consigliarvi una visita allo splendido Museo Etnografico di Premana, che costituirà per voi un vero e proprio viaggio nel passato. Il Museo che è sistemato proprio nel centro del paese offre al visitatore una panoramica completa sulla storia di Premana, in questo nostro articolo potete approfondire i dettagli sul Museo attraverso diverse immagini e un Video !

Questa condizione particolare, tuttavia, non ha impedito lo sviluppo a Premana di una fiorente attività artigianale ed industriale, fortemente legata alla produzione di forbici e coltelli, conosciuti in tutto il mondo.

Questa attività ha radici molto antiche, risalenti al XII secolo, quando la scoperta di alcune vene di ferro nelle montagne della Valvarrone diede il via alla creazione delle prime botteghe, che conobbero un fortissimo sviluppo in seguito alla sempre maggiore richiesta di armi da parte del Ducato di Milano, impegnato in continue guerre.

Il particolare territorio di Premana, ricco di boschi (ottimo per la produzione di legname) e del suo Torrente Varrone, ha reso possibile quindi una proficua lavorazione del Ferro

In seguito alla dominazione spagnola nel nord Italia, l'attività metallurgica di Premana subì un pesante stop, tanto da provocare nel corso dei secoli un forte movimento migratorio dovuto al fatto che, tra qui pendii ripidi ai piedi del crinale orobico, i mezzi per sopravvivere non erano molti.

Dopo una lenta ripresa nel periodo dell'800 fu solo all'inizio del secolo scorso che l'attività artigianale di Premana riprese vigore; da una produzione principalmente legata al settore bellico le maestranze locali si specializzarono nella produzione di forbici e oggetti da taglio, dapprima con poche e piccole botteghe, che con il passare degli anni iniziarono a moltiplicarsi fino ad avere, al giorno d'oggi, oltre 130 aziende artigiane con oltre 700 dipendenti, in un paese che conta poco più di 2000 abitanti.

La particolarità della storia di Premana è il fatto che, a partire dagli anni '50 e a differenza della stragrande maggioranza delle località alpine, non si è registrato alcun grosso movimento migratorio verso le città, permettendo così all'industria locale di sopravvivere.

Nel 1974 nacque successivamente il Consorzio Premax, consorzio dei produttori di forbici di Premana, nel 2010 in collaborazione con il Politecnico di Milano è stato creato un Marchio Collettivo di Qualità Premana, rilasciato dalla Camera di Commercio di Lecco a difesa anche del nostro Made in Italy

 

La qualità degli articoli da taglio prodotti a Premana è oggi conosciuta in tutto il mondo, tanto che il flusso di esportazione delle aziende locali, talvolta anche molto piccole come semplici botteghe familiari, è estremamente importante.

Tra le imprese maggiormente attive a Premana vogliamo citare la storica Edelweiss Coltellerie Premana, del 1952 e specializzata nella lavorazione della coltelleria professionale; la prima azienda a nascere fu però quella di Ambrogio Sanelli che, dopo un’esperienza formativa in un'officina di Venezia, nel 1860 fece ritorno a Premana avviando la propria produzione.

 

I nostri Partner :

 

 


Questo contenuto si è rivelato utile ? E' sicuramente la cosa fondamentale, ma se vuoi ringraziarci ulteriormente puoi fare una donazione libera ! Grazie di cuore

Paypal: