Val Monzoni: ciaspolata in un mondo di neve

L'abbondantissima nevicata di giovedì ed il conseguente rischio di valanghe ancora molto elevato ci impone oggi una passeggiata a bassa quota, ma non per questo con meno fascino. Lasciata l'auto nei pressi della telecabina Buffaure di Pozza di Fassa ci incamminiamo lungo il sentiero nel bosco che sale sul versate sinistro orografico della valle. Il fondo è battuto, qui passano le motoslitte dei rifugi ed è possibile anche scendere con lo slittino. La neve è veramente tanta e man mano che prendiamo quota aumenta sempre di più. Giunti alla Malga Crocificco imbocchiamo il sentiero della Val Monzoni, abbandonando definitivamente il rumore e la gente ed inoltrandoci in un'atmosfera magica. Abbiamo provato a calzare le ciaspole e salire nel bosco ma la neve era veramente tanta, arrivava fin sopra le ginocchia, e battere la traccia era veramente faticoso. In circa 45 minuti su strada battuta abbiamo così raggiunto la Baita Monzoni e la vicina Malga Monzoni, a 1820 metri di quota. Qui l'ambiente è a dir poco incredibile: a partire dai 1700m la neve diventa molto bella e polverosa (sotto ha piovuto nei giorni scorsi)..con un rapido conteggio abbiamo misurato nei pressi della Malga Monzoni in campo aperto circa 180cm di neve fresca e 50cm di neve compattata sulla strada. Oltre non era possibile andare: innanzitutto ci si sarebbe portati sotto pendii pericolosi non ancora scaricati e poi, essendoci solo tracce di scialpinisti, il lavoro di battitura con le ciaspole sarebbe stato eccessivo! Ecco a voi qualche scatto di questa bella giornata di relax e natura!

Gruppo del Catinaccio

Col Ombert

Crocifisso

Val Monzoni

Baita Monzoni

Baita Monzoni

Val Monzoni

Malga Monzoni

Malga Monzoni

 

I nostri Partner :

 

 


Questo contenuto si è rivelato utile ? E' sicuramente la cosa fondamentale, ma se vuoi ringraziarci ulteriormente puoi fare una donazione libera ! Grazie di cuore

Paypal: