Maxi esercitazione della REGA in Engadina

Spettacolare esercitazione quella compiuta dalla REGA (la Guardia Aerea Svizzera) nei pressi del Suvretta, in Engadina. Gli organizzatori hanno inscenato un soccorso in parete al alta quota grazie all'intervento dell'elisoccorso e del personale medico ed infermieristico.

La grandiosità Foto di www.ticinolibero.ch dell'esercitazione sta nell'utilizzo della cosiddetta longline, una fune d'acciaio lunga ben 130 metri, necessaria per i salvataggi più complessi sulle pareti più inaccessibili, a differenza dei comuni argani che non raggiungono i cento metri e che vengono utilizzati con maggiore frequenza.

L'esercitazione viene organizzata dalla REGA ogni anno in tarda primavera, ed ha come scopo quello di sperimentare la collaborazione interforze (medici e tecnici) in caso di interventi di particolare difficoltà. Estremamente complesso è sia il ruolo del pilota, costretto a manovrare l'elicottero: un Augusta prodotto appositamente per la Guardia Aerea Elvetica, a poca distanza dalla parete rocciosa; sia per i soccorritori stessi, appesi a 130 metri cavo, con migliaia di metri di vuoto sotto i loro piedi.

Il risultato dell'esercitazione è stato comunque positivo, stando a quanto hanno affermato organizzatori e partecipanti, occasione anche per testare nuove tecniche e nuovi materiali, che fanno della REGA uno dei servizi di salvataggio in alta quota più efficienti nel mondo.

 

I nostri Partner :

 

 


Questo contenuto si è rivelato utile ? E' sicuramente la cosa fondamentale, ma se vuoi ringraziarci ulteriormente puoi fare una donazione libera ! Grazie di cuore

Paypal: