Neve al nord est: chiusi i passi dolomitici, pericolo valanghe altissimo

E' giunti infine il turno del Nord Est, coinvolto tra la serata di ieri e la notte nella perturbazione di Santo Stefano, che ha portato accumulo nevosi di grande importanza sopra i 1000-1200 metri, a tratti anche a quote più basse. Trattandosi di una perturbazione mite di origine neve in alto adigeatlantica, la neve caduta è stata bagnata e pesante, quindi con tendenza a scivolare facilmente a vale a causa del suo peso. Così è successo stanotte sulla pista Erta del Plan de Corones, dove l'interno muro è scivolato a valle, senza coinvolgere fortunatamente nessuno.

Attualmente sono chiusi la maggior parte dei passi dolomitici: Tonale, Costalunga, Gardena, Pordoi, Rolle, Fedaia e Falzarego. E' stata invece da poco riaperta la strada che collega Cortina con Dobbiaco, mentre permangono difficoltà sulla linea ferroviaria tra Fortezza e San Candido.Continuano ancora i problemi derivanti dal black out di ieri, conseguenza del crollo di alcuni tralicci, che ha lasciato al buio la Val Pusteria, Solda, la Val d'Ultimo, Dobbiaco e Sesto.

Per quanto riguarda lo sci, non vi sono ancora comunicazioni ufficiali da parte del Dolomiti Superski, ma la maggior parte delle piste in quota risultano ancora non battute e cariche di neve fresca; è assolutamente necessario chiedere informazioni ai singoli uffici turistici e agli impianti prima di avventurarsi su percorsi, anche semplici, ma ad impianti chiusi. Il pericolo valanghe resta elevato in tutta la regione, variabile tra 3 e 4.

Corvatsch Gruppi

 

 

 

 

 

I nostri Partner :

 

 


Questo contenuto si è rivelato utile ? E' sicuramente la cosa fondamentale, ma se vuoi ringraziarci ulteriormente puoi fare una donazione libera ! Grazie di cuore

Paypal:

 


Save
Cookies user prefences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Info estese
www.saliinvetta.com