Il Duca degli Abruzzi, pioniere d'altri tempi

Duca degli Abruzzi

 

Nato a Madrid il lontano 29 Gennaio 1873, Luigi Amedeo di Savoia, Duca degli Abruzzi, è stato uno degli esploratori italiani che hanno maggiormente segnato la storia dell'umanità, dedicando la propria vita alle spedizioni in ambienti selvaggi e di alta quota.

Egli fu oltre che un grandioso Alpinista un ammiraglio e un'instancabile esploratore.

Di famiglia reale (terzogenito di Amedeo Ferdinando Maria di Savoia, Re di Spagna per due anni) riceve da piccolo un'educazione militare.

Trascorre anche la sua giovinezza in montagna, dove coltiva e pratica il suo amore per l'alpinismo.

 

La sua ricchissima carriera Alpinistica inizia con imprese di tutto rispetto per l'epoca, parliamo per esempio del : Dente del Gigante, la Traversata del Cervino, il Petit Dru, la Dente Blanche, le Grandes Jorasses ed il Monviso in invernale

 

Nel 1894 salpa da Venezia sulla Cristoforo Colombo per una missione diplomatica che durerà ventisei mesi e che gli consentirà di compiere la sua prima circumnavigazione del globo

A distanza di quasi 10anni, effettua una seconda circumnavigazione del Globo

 

Spinto da un'irrefrenabile voglia di girare il mondo inizia nel 1897 le sue imprese in territorio extraeuropeo. Tra tutte segnaliamo la prima ascensione assoluta del Mount Sain lias (5489m), nel difficile territorio dell'Alaska.

Nel 1900 in qualità di esploratore e di alpinista realizza una grande impresa: raggiungere il Polo Nord con la nave stella polare, partendo dalla Terra di Francesco Giuseppe, e dopo parecchio tempo riesce a raggiungere una latitudine record di 86°34'.

Pochi anni più tardi, nel 1906, si lanciò dall'altra parte del globo all'esplorazione di una delle montagne più misteriose dell'Africa: il Ruwenzori: conquistò 18 cime, raccolse preziosi esemplari vegetali della zona e disegnò una carta geologica del massiccio.

Nel 1909, accompagnato dalla Soc. Guide Alpine Courmayer, partecipa alla spedizione in Pakistan, sul massiccio del Karakorum, verso la vetta del K2.

Sicuramente una delle spedizioni più importanti dell'epoca.

 

Morì in Somalia, nel villaggio “Duca degli Abruzzi”, il 18 Marzo 1933 durante il suo ultimo viaggio nel Corno d'Africa in seguito ad un'operazione di bonifica agricola.

Qui volle essere sepolto

 

I nostri Partner :

 

 


Questo contenuto si è rivelato utile ? E' sicuramente la cosa fondamentale, ma se vuoi ringraziarci ulteriormente puoi fare una donazione libera ! Grazie di cuore

Paypal: