La leggenda dei Tre Fiori

Leggenda dei tre fiori - photo by wikipedia.comCi troviamo in Engadina, vallata di montagna situata nel canton Grigioni, in Svizzera; oggi una delle valli abitate più alte d'Europa, ha una storia alle spalle molto particolare... la racconteremo con questa Leggenda:

In un tempo molto lontano, quando i primi abitanti dell’Engadina si stabilirono sul fondovalle, innalzando le prime mura di quelle che oggi sono città come Saint Moritz e Samnaun, la vallata era un verde prato incastonato tra le vette, incantevole a vedersi ma inospitale per chiunque volesse viverci; niente cibo, temperature gelide e solitudine. La situazione di questa vallata è quindi ben diversa da quella attuale, molto lontana dal progresso e benessere che ora regna in queste zone.

Nonostante ciò i primi engadinesi si fecero forza e fondarono i loro villaggi, soffrendo giorno dopo giorno contro la fame, il freddo e l’isolamento. Osservando il sacrificio di quegli uomini e donne, la Fata Flurina e le sue compagne, che abitavano tra i boschi alla base delle vette innevate, decisero di fare un regalo agli abitanti della valle: donarono loro tre fiori (Trais Fluors in romancio): il primo si chiamava Pigna, ovvero stufa, e fu donato ai pastori che vegliavano le loro greggi sugli alti pascoli, affinchè li aiutasse a sopportare meglio il freddo della notte; il secondo fiore si chiamava Vivanda (cibo), e aiutò a far comparire sulle tavole delle case il pane, diventato sempre più raro a causa della difficoltà nel coltivare il grano; il terzo fiore, chiamato Allegria, riportò il sorriso sul volto di coloro che fino a quel giorno erano costretti a vedere la vita solo come fatica e sofferenza, rivelando un volto più sereno ai villaggi

La vita diventò quindi più facile, superare le giornate e effettuare i lavori di sempre era oggi più facile che mai ! In Engadina arrivò quindi la felicità, e i villaggi prosperarono, portando anche ricchezza tra gli uomini; e fu proprio questa ricchezza a portare con se i semi di due erbacce, che cercavano di soffocare i tre fiori magici: si chiamavano Invidia e Avidità. Le erbe maligne attecchirono velocemente nei prati, mettendo gli abitanti della valle l’uno contro l’altro.

Come spesso accade infatti l'aumento di benessere genera conflitti e invidia, i sani principi vengono quindi offuscati sempre di più dalla continua ricerca di maggiore ricchezza e notorietà

La Fata Flurina, nel vedere ciò, decise di punire gli engadinesi, privandoli dei tre fiori magici: il freddo, la fame e la tristezza tornarono improvvisamente a bussare alla porta delle case dei villaggi, pervadendo le menti dei loro abitanti. Ma gli engadinesi si fecero forza e reagirono: divennero abili produttori di tessuti pesanti, così che riuscirono a costruire caldi abiti per difendersi dal freddo; lavorarono senza sosta la fredda terra della valle, fino a innalzare piantagioni di grano e produrre pane a sufficienza per sfamare l’intera valle. Con enormi sforzi e fatica erano riusciti a guadagnarsi ben due dei doni concessi dalla Fata...

Mancava ora solo un modo per ritrovare l’allegria. E proprio allora scoprirono che per stare allegri era sufficiente stare insieme, ritrovarsi, parlare, o semplicemente salutarsi: da qui deriva infatti l’espressione romancia di saluto “Allegra”, che riportò il sorriso sui volti degli engadinesi, e ancora oggi da forza e vitalità agli abitanti di una delle vallate più belle delle Alpi.

Al giorno d'oggi il saluto “Allegra” è ampiamente utilizzato e costituisce il saluto tradizionale Engadino.

Corvatsch Gruppi

 

 

 

 

 

I nostri Partner :

 

 


Questo contenuto si è rivelato utile ? E' sicuramente la cosa fondamentale, ma se vuoi ringraziarci ulteriormente puoi fare una donazione libera ! Grazie di cuore

Paypal:

 


Save
Cookies user prefences
We use cookies to ensure you to get the best experience on our website. If you decline the use of cookies, this website may not function as expected.
Accept all
Decline all
Info estese
www.saliinvetta.com