Monte Magnodeno da Maggianico (Lc)

La cima del Monte Magnodeno (1241m) con la sua enorme croce di vetta è ben visibile dalla frazione di Maggianico, raggiungibile facimente dalla superstrada Milano-Lecco all'uscita di bione e seguendo in direzione Bergamo. La salita inizia nei pressi della chiesa, imboccando un sentiero lastricato che segue il corso del torrente. Pian piano ci si inoltra nel bosco; ad un primo bivio si prende a destra e si prosegue tra i castagni. Il sentiero è ben marcato e sale a pendenza costante. Superata la località Piazzo (507m), si raggiunge dopo circa dieci minuti l'Osteria di Camposecco (602m). A questo punto si ignorano le indicazioni per Somasca e si tiene la sinistra, rientrando subito nel bosco. Inizia ora il tratto più impegnativo dell'itinerario: il sentiero si impenna e prende rapidamente quota con lunghi traversi alternati ad ampi tornanti, sempre con pendenza molto elevata; il fondo è buono e la traccia sempre molto larga. Dopo circa un'ora e un quarto dalla partenza, finalmente il bosco sembra diratarsi e la salita si itnerrompe brutalmente nei pressi del valico delle Foppette, dove si trova il piccolo bivacco Corti (901m). A questo punto si segue l'indicazione per il sentiero 29 che rimnota subito a sinistra seguendo il crinale erboso e si riprende a salire, dapprima dolcemente poi con ripidi tornanti alternati con semplici roccette affioranti, raggiungendo in circa quindici minuti il Corno di Grao. Si esce ora quindi sull'ampia cresta che collega il Corno di GRao al Magnodeno, e la si percorre quasi in piano, con alcuni saliscendi. La dorsale è piuttosto ampia, solo in alcuni brevi tratti il sentiero risulta leggermente esposto; si supera una croce in legno e si raggiunge quindi la base della piramide erbosa del Magnodeno, sulla cui cima spicca l'enorme croce. Si inizia a risalire con ripidi tornanti lungo il crinale, raggiungendo l'anticima del MAgnodeno. Si attraversa poi in piano portandosi sull'altro versante e incontrando il sentiero che sale da Erve. A questo punto rimane da affrontare l'ultima fatica, una serie di gradoni in legno o scavati nella roccia che risalgono un canalino roccioso fino a sbucare nei pressi della croce di vetta, a destra della quale sorge il piccolo Bivacco Magnodeno, gestito dall'Associazione Nazionale Alpini di Maggianico.

Il bivio iniziale a Maggianico, noi prendiamo il percorso giallo

Il sentiero nel bosco

Alpe Piazzo

La salita continua nel bosco

Roccette verso il Corno di Grao

L'ampia dorsale e in fondo la vetta del Magnodeno

Vista su Lecco

Piccola radura prima della salita finale

Il sentiero nel tratto finale

Spunta la croce di vetta

Vetta del Magnodeno

Bivacco Magnodeno

Panorama su Lecco dalla vetta

La cresta appena percorsa dal Corno di Grao

Vista verso il Resegone

 

I nostri Partner :

 

 


Questo contenuto si è rivelato utile ? E' sicuramente la cosa fondamentale, ma se vuoi ringraziarci ulteriormente puoi fare una donazione libera ! Grazie di cuore

Paypal: