itenfrderues
 


Questo contenuto si è rivelato utile ? E' sicuramente la cosa fondamentale, ma se vuoi ringraziarci ulteriormente puoi fare una donazione libera ! Grazie di cuore

Paypal:

 


Rifugio Ombrega dall'Alpe di Paglio (Lc)

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Punteggio 5.00 (1 Voto)

CARATTERISTICHE:

Dislivello: 380 mt. positivo e 150 mt. negativo

Attrezzatura: Scarponcini da escursionismo e indumenti per ripararsi nello zaino 

Difficolt√†:  (?)

Tempo impiegato: 2,10 ore

DESCRIZIONE:

 

Il Rifugio Ombrega è situato a quota 1580 mt. In Alta Val Marcia, Valsassina

Il presente itinerario permette di raggiungere il rifugio in modo agevole e senza particolari difficoltà; dalla struttura possiamo ammirare da vicino il Monte Legnone, il Legnoncino e il centro abitato di Premana (Lc)

L'itinerario può essere seguito sulla cartina Kompass nr. 105 - Lecco e Valle Brembana

 

Punto di partenza è Alpe Paglio (Lc), situato a 1400 mt di quota e appartenente al Comune di Casargo (Lc). Raggiunto Margno (Lc), in alta Valsassina, e superato il centro abitato incontriamo sulla sinistra dei cartelli turistici gialli che indicano Alpe Paglio; da qui parte una lunga strada asfaltata (asfalto ottimo recentemente rifatto) che ci condurrà all'ampio parcheggio.

Nella zona Sud del piazzale (nei pressi della strada di arrivo) troviamo una lunga serie di cartelli escursionistici gialli; il nostro Rifugio Ombrega non viene direttamente menzionato ma possiamo seguire le indicazioni per Pizzo Tre Signori e Rifugio Santa Rita che ricalcano gran parte del nostro percorso.

Piazzale delle Auto Alpe Paglio (Lc), primi cartelli escursionistici 

Prendiamo l'unica direzione disponibile e poco pi√Ļ avanti incontriamo altri cartelli escursionistici con la grafica classica del Cai. Il sentiero si mantiene pianeggiante su fondo ciotoloso e abbastanza sconnesso.

Dopo aver superato un percorso di avventura sugli alberi arriviamo al Pian delle Betulle (Lc), famoso centro sciistico dell'alta Valsassina (possiamo vedere la seggiovia degli impianti di risalita).

Qui dobbiamo mantenerci sul sentierino che prende a tagliare nei prati (tenere la direzione del tappeto invernale degli impianti)verso il bosco, tra le piante. Troviamo quindi un fontanile con un gigantesco cartello che indica Rifugio Santa Rita e il Pizzo Tre Signori (la direzione è corretta).

Pian Delle Betulle 

Il sentiero si trasforma in una strada carrozzabile che prosegue pianeggiante immersa nel bosco, il paesaggio è molto rilassante e in circa 10 minuti raggiungiamo un nucleo di case molto caratteristico, l'Alpe Ortighera (1505 mt. Di quota). La strada prosegue tra le case senza variazioni significative; incontriamo anche qualche baita che vende formaggi locali.

Alpe Ortighera 

Una serie di tornanti ci fanno guadagnare rapidamente quota e in poco tempo ammiriamo le baite dall'alto. Poco pi√Ļ avanti, quando il sentiero spiana leggermente, troviamo un bivio con una serie di cartelli: finalmente il nostro Rifugio Ombrega viene menzionato a 1.30 di cammino. Seguiamo la direzione indicata ovvero ci manteniamo sulla strada a tornanti guadagnando un pochino di quota.

Cartelli escursionistici dopo Alpe Ortighera, indicazione Rifugio Ombrega 

Proseguiamo ora in piano costeggiando dei prati con dei massi dalle forme e colori particolari fino ad arrivare nei pressi di un altro cartello escursionistico; qui ci troviamo a ‚ÄúLarice Bruciato‚ÄĚ (1708 mt. di quota) e la nostra direzione viene riportata a sinistra sempre mantenendoci sulla strada principale.

Sentiero verso il "Larice Brciato"

Bellissimi fiori lungo il percorso

Larice Bruciato - 1708 mt 

Il sentiero prosegue ora in discesa, perdiamo circa un centinaio di metri di quota fino ad arrivare alla famosa ‚ÄúBocchetta di Olino‚ÄĚ (1640 mt. di quota). Sul muro troviamo a caratteri cubitali l' indicazione per il Rifugio Santa Rita e il Pizzo Tre Signori; proseguiamo mantenendoci sul sentiero principale.

Sentiero verso la "Bocchetta di Olino"

Bocchetta di Olino 

Il sentiero prosegue pianeggiante e possiamo già intravedere un grosso centro abitato, posizionato in lontananza proprio sotto di noi, si tratta di Premana (Lc).

Proseguiamo fino ad incrociare un Bivio; qui occorre prestare attenzione perchè è un punto molto importante. A destra si prosegue il sentiero per il Rifugio Santa Rita e per il Pizzo Tre Signori, mentre a sinistra viene indicato il Rifugio Ombrega (30 minuti di cammino). Ci stacchiamo quindi dalla strada per addentrarci nel cuore della Val Marcia.

I panorami sono splendidi, ammiriamo in posizione perfetta anche il Monte Legnone e il Legnoncino.

Bivio, svoltare a sinistra per il Rifugio Ombrega 

Il sentiero si mantiene sempre pressochè pianeggiante e sulla sinistra incontriamo anche un cartello di metallo con scritto a mano "Vendita di formaggi locali, Capra Orobica"; volendo in un centianio di metri è possibile raggiungere questo alpeggio, l'Alpe Dolcigo, la culla della capra orobica.

In questo alpeggio potete acquistare formaggi di capra e animali di razza Orobica; nella stagione invernale avete la possibilità di trovarli a Primaluna (Lc). Teniamo a precisare che i gestori, la Signora Giovanna e il figlio Walter Vitali, hanno vinto diverse mostre regionali sulla Capra Orobica.

Noi abbiamo visitato personalmente l'alpeggio, ve lo possiamo certamente consigliare, ecco qualche foto :

Alpe Dolcigo Logo con i recapiti

Alpe Dolcigo Capre Orobiche

Alpe Dolcigo Capre Orobiche

Alpe Dolcigo i Formaggi

Panorama sull'alta Val Marcia 

Ci manteniamo sul sentiero (una strada carrozzabile) e in circa 5 minuti intravediamo e raggiungiamo il Rifugio Ombrega (1580 mt. Di quota).

La struttura, come si può vedere dall'esterno, è stata completamente ristrutturata, è un ambiente molto curato e il suo Gestore Stefano ci tiene moltissimo alla cura dei particolari.

Rifugio Ombrega - 1580 mt.

Cartello del Rifugio Ombrega 

Vista aerea Drone sul Rifugio Ombrega

Internamente sono disponibili diversi posti a sedere per gustare la cucina tipica del Rifugio. La cuoca è ufficialmente la mamma, ma anche Stefano ai fornelli non se la cava affatto male !

Esternamente sono disponibili diversi tavoli, tra cui uno dedicato ai bambini, per pranzare divertendosi e gustandosi il panorama su : Monte Legnone (2609 mt.), Legnoncino (1714 mt.), Sasso Dirotto e il centro abitato di Premana (1000 mt.)

Il Rifugio Ombrega all'interno 

La via del ritorno è da effettuarsi sugli stessi passi dell'andata e non sono da segnalare punti particolarmente pericolosi.

 

Abbiamo descritto anche l'itinerario con un Videotrekking ! Buona visione :


 

Commenta questo Articolo :
Solo gli utenti Registrati possono inserire e visualizzare i commenti sugli articoli

Effettua Il Login qui a lato oppure Clicca qua per Registrati


 

Accedi

Effettua il Login:

Nome utente*
Password : *
Ricordami

I nostri Partner :

 

 

Condivimi Su :

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn