Rifugio Bolzano - Sciliar (Bz)

Questa escursione, pur non presentando particolari difficoltà tecniche, è comunque da non sottovalutare per quanto riguarda la lunghezza del percorso: il Rifugio Bolzano, infatti, alle pendici del Monte Pez, nel gruppo dell Sciliar, si trova a pochi km in linea d'aria dalla città omonima, pertanto il sentiero che lo collega con Val di Fassa e piuttosto lungo; la tempistica media da Campitello al rifugio è di circa 4 ore di cammino. Per questo motivo potrebbe essere una soluzione ridurre il tragitto sfruttando nella parte iniziale il servizio taxi della Val Duron fino al Rifugio Micheluzzi. Partendo da Campitello di Fassa (1442m) si risale lungo via Rodella in direzione della Val Duron; a un primo tratto asfaltato segue una ripida rampa sterrata (la cosiddetta Lesta) che porta ad un lungo tratto semipianeggiante il quale, superato il ponte sul Rio Duron, conduce al prato di Fraines, dove si trova l'omonimo rifugio. La salita riprende subito abbastanza decisa e con un'ampia curva verso destra si entra in un lungo tratto abbastanza impegnativo fino alla piccola fonte in località "Costaciaval", da cui un'ultima rampa conduce in pochi minuti al Rifugio Micheluzzi (1860m), situato all'ingresso della splendida Val Duron. Il panorama si apre sulla verde vallata e sulla parte settentrionale del Catinaccio, culminante nella Cresta del Molignon sul versante destro orografico.Proseguendo dietro al rifugio si attraversono i prati per poi sbucare di nuovo sulla carreggiata, nei pressi della piccola Baita Lino Brach (1900m). Si prosegue nella stessa direzione, percorrendo interamente la Val Duron per circa 30 minuti, fino a raggiungere gli ampi ghiaioni terminali della valle nei pressi di un agglomerato di baite. Da qui la strada riprende a salire, spesso con un fondo piuttosto sconnesso, in alcuni trattii reso più stabile da brevi lingue di cemento e in circa un quarto d'ora si raggiunge il Passo Duron (2204m). Pochi metri prima del passo si prende il sentiero sterrato sulla sinistra che gira intorno alla piccola collina che delimita il valico e si ricollega direttamente alla carreggiabile n°4 che sale verso l'Alpe di Tires. Dopo un primo tratto con pendenza molto lieve, si supera poi un lungo rettilineo molti ripido, il cui fondo è stato rinforzato con cemento armato per facilitare la presa. Terminato questo tratto la pendenza cala leggermente e con qualche tornante si risalgono gli ultimi pendii erbosi fino a raggiungere il Rifugio Alpe di Tires(2440m), dal caratteristico tetto rosso. Superato il rifugio si prosegue lungo il sentiero n°4 che si fa via via più stretto e prosegue in leggera discesa, incrociando la ripida serpentina che risale sulla sinistra dalla Valle del Ciamin (il cosiddetto Bus de l'Ors). Dopo un breve tratto pianeggiante, il tracciato inizia a salire con alcuni tornanti e un fondo piuttosto sconnesso; superata una piccola sella si continua a salire nei prati e la qualità del sentiero migliora nettamente: d'ora in poi il tracciato sarà perfettamente segnalato da cordoli in pietra e indicatori bianchi e rossi. Dopo circa 30 minuti dal Rifugio Alpe di Tires si scollina sull'altopiano dello Sciliar e in lontananza dritto davanti a voi compare il Rifugio Bolzano.Il panorama ora spazia dalle ripide pareti occidentali del Catinaccio, allo Sciliar e la Val Gardena fino alla Valle dell'Adige, dove è chiaramente identificabile la città di Bolzano. Si prosegue lungo un tratto dapprima pianeggiante e in seguito in leggera discesa tra i prati e i depositi detritici; il sentiero prosegue facile lungo l'altopiano per circa un quarto d'ora, finché bisogna affrontare l'ascesa finale, non molto impegnativa, che attraverso qualche tornante conduce ai 2475m del Rifugio Bolzano. Il ritorno si effettuo lungo lo stesso percorso dell'andata.

Val Duron

Val Duron

Salita al Passo Duron

Alpe di Tires

Rifugio Alpe di Tires

Il Bus de l'Ors

Sentiero verso l'altopiano

Altopiano dello Sciliar

Sciliar

Verso il Rifugio Bolzano

Rifugio Bolzano

Rifugio Bolzano

Sasso Piatto

 

I nostri Partner :

 

 


Questo contenuto si è rivelato utile ? E' sicuramente la cosa fondamentale, ma se vuoi ringraziarci ulteriormente puoi fare una donazione libera ! Grazie di cuore

Paypal: