Marmolada e Pian dei Fiacconi (Tn)

La Marmolada, Regina delle Dolomiti, teatro di tragedie enormi durante il primo conflitto mondiale, sorge ai limiti settentrionali della Val di Fassa, sulla linea di confine con il Veneto. E' l'ultimo ghiacciaio sopravvissuto nelle Dolomiti, se si escludono piccole vedrette di dimensioni molto piccole, e con i 3343m di Punta Pania ne rappresenta la cima più alta. Le posisbilità escursionistiche in questo angolo di roccia e neve sono moltissime, dalle più banali alle ferrate (Punta Penia, ferrata Eterna al Serauta), dai trekking impegnativi (Forcella Marmolada) alle vie di arrampicata (Parete sud in primis). In questa pagina vi presentiamo un trekking abbastanza semplice, ma con un buon dislivello, che permette di vivere, pur senza toccarne la vetta, l'ambiente selvaggio e misterioso di questo gigante dolomitico. Si parte dalla Diga di Fedaia, nei pressi della stazione di partenza della mitica bidonvia del Pian dei Fiacconi. Possiamo scegliere tra due possibilità di salita, che poi si ricongiungeranno a metà percorso: risalire la pista da sci, alla nostra sinistra guardando il ghiacciaio, oppure percorrere il sentiero 606 per il Col di Bousc. La prima alternativa, decisamente meno"godibile" consiste nel risalire un'ampia traccia di ghiaia che, sfiorando le pendici del Sas da le Doudesc, alterna rampe ripidissime a brevi tratti in cui è possibile riprendere fiato. Il terreno è molto instabile, si tratta di grossi ciotoli, che soprattutto nei tratti ripidi possono essere molto scivolosi, mentre in alcuni tratti la traccia è talmente ampia che non se ne percepiscono i lati, con possobilità di finire fuori tracciato, stante l'assenza di segnaletica. Molto più piacevole e vario è invece il sentiero 606, che inizia rimontando tra i cespugli e le basse conifere sopra la diga. In alcuni tratti si devono superare lastroni di roccia o gradoni, in cui può essere utile aiutarsi con le mani. Terminato questo primo tratto, la traccia diventa più marcata e meno pendente, portandosi verso ovest, al limite della parete rocciosa. Qui iniziano una serie di tornanti piuttosto ripidi: il fondo a tratti è scivoloso e friabile, ma senza particolari difficoltà. Si rimonta così il pendio che porta al Col di Bousc(2438m), in circa 40 minuti dalla diga, ricollegandosi con il percorso che risale la pista da sci. Qui inizia ad aprirsi il panorama sul ghiacciaio, di fronte a noi, e sulle aspre pareti del Gran Vernel, verso ovest. La traccia è ora indicata da bolli rossi e risale il ghiaione con alcuni tornanti; anche qui alcune rampe sono piuttosto ripide. Ci si sposta leggermente sulla destra per superare l'ultimo dislivello e in circa mezz'ora dal Col di Bousc si raggiunge il Rifugio Pian dei Fiacconi (2626m), stazione di arrivo della bidonvia. A questo punto siamo al limite del ghiacciaio della Marmolada, mentre verso nord si apre un meraviglioso panorama sul Gruppo del Sella e sul Lago Fedaia. A questo punto si può proseguire verso il vicino Rifugio al Ghiacciaio (2700m), o risalendo la scalinata di roccia dietro alla stazione della bidonvia, oppure seguendo la traccia su neve che prosegue in direzione di Punta Penia, girando poi subito a sinistra appena superate le roccette retrostanti il rifugio. D'ora in ppoi proseguire sul ghiacciaio significa avere a che fare con un ambiente alpinistico, seppure le tracce che si dipanano dal Rifugio al Ghiacciaio possano sembrare banali agli occhi dell'escursionista medio. Il consiglio è di inoltrarsi solamente se si ha esperienza di ghiacciai oppure accompagnati da una guida. Prendendo la traccia verso est è possibile attraversare completamente il ghiacciaio fino a portarsi sulla pista da sci di Punta Rocca, raggiungendo così la vetta più alta in territorio veneto (3260m). La traccia che invece parte dal rifugio Pian dei Fiacconi costituisce una delle vie di salita a Punta Penia, la cosiddetta "via delle roccette", percorso utilizzato soprattutto in invernale, in alternativa alla più tecnica ferrata della forcella Marmolada, molto pericolosa se coperta di neve o ghiaccio.

Lago Fedaia

Percorso lungo la pista da sci

Sentiero 606

Lago Fedaia dal sentiero 606

Gran Vernel

Col di Bousc dal sentiero 606

Ghiacciaio della Marmolada

Rifugio Pian dei Fiacconi

Rifugio al Ghiacciaio

Croce di vetta di Punta Penia

Gran Vernel

Traccia verso est

Gruppo del Sella

Ghiacciaio della Marmolada verso Punta Penia

 

I nostri Partner :

 

 


Questo contenuto si è rivelato utile ? E' sicuramente la cosa fondamentale, ma se vuoi ringraziarci ulteriormente puoi fare una donazione libera ! Grazie di cuore

Paypal: