Lo Yeti

Impronta di Yeti

 

Chi non ha mai sentito parlare dello Yeti,altrimenti detto anche in maniera più popolare "abominevole uomo delle nevi"?

Il termine Yeti deriva da yeh-teh che significa "Quella cosa là, termine classico usato dagli Sherpa per indicare il misterioso e leggendario animale che pare popolare le vallate più impervie dell'Himalaya

 

Lo Yeti si tratta di una figura mitologica in senso lato, un essere non ancora ben identificato di grande statura e dal corpo peloso che vive nelle montagne tra l'Himalaya e il Karakorum, di cui fino ad oggi non si sono mai riprodotte immagini ma solamente delle sue impronte sulla neve.

Inizialmente era parte solamente delle credenze popolari delle popolazioni locali dell'Himalaya, ma vista successivamente la sua grande popolarità ampliata anche dai media è entrato ormai anche nell'immaginario collettivo della cultura mondiale

In molte altre regioni del mondo troviamo analoghe figure a quella dello Yeti; per esempio in Asia Centrale e la Mongolia fino alla Siberia Orientale vivrebbe l'"Alma", sulle montagne della Cina Centrale e in Malesia si nasconderebbe lo Xuèrén o "uomo selvatico", negli altipiani della Russia il Chuchunaa, nel nord ovest americano si dice vivrebbe il "Sasquatch" o "Bigfoot".

Perfino in Italia, e precisamente in Valtellina, la figura dello Yeti viene riprodotta con L'Homo Salvadego

 

Le notizie di avvistamenti dello Yeti risalgono alla notte dei tempi, già a partire dal Medioevo: dapprima personaggi locali ed in seguito i primi esploratori delle regioni sul tetto del mondo, tra cui il Colonnello Britannico A.L. Waddell (nel 1889), raccontano di aver visto, più o meno distintamente, creature somiglianti ad esseri umani ma di dimensioni ben maggiori e dall'aspetto scimmiesco.

Migliaia di impronte sono state rinvenute, in aggiunta anche tracce di peli e pellicce che hanno fatto credere si trattasse del misterioso animale ma poi successivamente smentite in quanto riconducibili ad animali già noti. Alcuni monaci conservano ancora come reliquie alcune di queste tracce.

Tra i più famosi avvistatori di Yeti non possiamo dimenticare Reinhold Messner, che racconta di essersi imbattuto nella creatura durante una scalata riuscendo a fotografarne un'enorme impronta; dopo aver interrogato le popolazioni locali, scoprì che quella creatura era già conosciuta e chiamata "tschemong", un animale molto feroce ed aggressivo simile all'orso.

Lo stesso Edmund Hillary, primo essere umano a raggiungere la vetta dell'Everest, racconta di aver avvistato una strana creatura durante la sua spedizione, pur non essendo riuscito ad immortalare nemmeno un'impronta.

Gli ultimi avvistamenti risalgono addirittura in tempi assai recenti, l'ultimo nel 2008

 

La figura dello Yeti viene rappresentata come quella di una gigantesca scimmia, di altezza variabile fino ai 2 metri ricoperto di una folta pelliccia bianca o argentata

 

Tracce di Yeti vengono segnalate in più regioni, spesso anche distanti tra loro, tanto da far intendere l'esistenza di più di una creatura, essendo impossibile per un unico esemplare percorrere distanze così grandi in un ambiente tanto severo: Everest, Dhaulagiri, alture del Buthan, Ghiacciaio Zemu e Tibet Orientale sono solo alcune delle zone in cui sono state segnalate osservazioni della creatura misteriosa.

Naturalmente la questione è stata anche affrontata dal punto di vista scientifico, così che ne sono nate anche alcune teorie: alcuni zoologi fanno risalire lo Yeti ad un discendente del Gigantopiteco, mentre altri lo identificano con l'Orso delle Nevi, un particolare tipo di orso che popola le montagne himalayane e che è in grado di assumere la posizione eretta tanto da essere scambiato a distanza per un essere umano.

 

Fatto sta che l'immagine dello yeti ha svolto spesso un ruolo influente nella cultura popolare, figurando in centinaia tra film, libri, fumetti e videogiochi.

LogoAlpeTeglio

 

I nostri Partner :

 

 


Questo contenuto si è rivelato utile ? E' sicuramente la cosa fondamentale, ma se vuoi ringraziarci ulteriormente puoi fare una donazione libera ! Grazie di cuore

Paypal: