L'origine delle Dolomiti

storia geologica dolomitiLa Dolomia, formazione rocciosa che ha dato il nome ad una delle zone alpine più popolari, ovvero le Dolomiti (conosciute anche come Monti Pallidi), è un tipo di roccia scoperta per la prima volta dal geologo francese Déodat de Dolomieu, il quale nel 1791 presentò dei campioni recuperati nelle Alpi orientali al celebre scienziato Benedicte de Saussure, che ne coniò il nome in suo onore.

La dolomia è una roccia sedimentaria carbonatica costituita principalmente dal minerale dolomite.

 

La prima denominazione "Dolomiti" comparve però appena nel 1837, in una guida che descriveva una regione montuosa comprendente le valli di Fassa, Gardena, Badia, la Val Pusteria nonché le Alpi veneziane. Nel 1864 due naturalisti inglesi Gilbert e Churchill scrissero "The Dolomite Mountains", resoconto di viaggio dei due; il termine "Dolomiti" viene così introdotto nel lessico comune e successivamente adottato in tutto il mondo

In realtà, non tutte le attuali Dolomiti sono costituite da Dolomia; anzi, alcune delle vette più popolari, come per esempio la Marmolada, non presentano traccia di Dolomia ma sono costituite da calcari derivanti da antichissime scogliere coralline. La storia geologica delle Dolomiti è molto complessa, trattandosi di un continuo alternarsi di allagamenti marini e riemersioni avvenute nel corso di centinaia di milioni di anni.

La regione centro orientale delle Alpi è stata infatti per milioni di anni (epoca del Triassico) un tranquillo mare di tipo tropicale e la genesi di questo tipo di roccia inizia proprio da qui ovvero attraverso accumuli di conchiglie coralli e alghe. Centinaia di metri di questi accumuli che, a causa del loro stesso peso e dell'azione dell'acqua, formano una roccia.

Accanto a queste formazioni, un ruolo importantissimo è stato giocato dall’attività vulcanica un tempo molto attiva in questa regione, con due enormi bocche che si erano formate nelle zone a sud est delle attuali valli di Fiemme e Fassa; la lava vulcanica, una volta raffreddatasi, è andata a riempire i bacini lasciati liberi dalle acque marine durante le ritirate dell’acqua verso sud, per poi essere nuovamente sommersi al ciclo successivo.

Successivamente lo sconto tra le due placche, quella europea e quella africana, fa emergere queste rocce, facendole risalire per oltre 3000 metri sul livello del mare. Il continuo movimento delle falde ha procurato esplosioni e terremoti che, con il passare del tempo e uniti agli agenti atmosferici, hanno frastagliato e reso spigoloso questo paesaggio.

Nel futuro geologico, le Dolomiti continueranno a crescere inglobando nuovi settori di rocce sospinte dallo scontro tra le placche europea e africana. Questo continuo "ricambio" permette di mantenere nel tempo questo classico paesaggio; al contrario, l'assenza di questi movimeti porterebbe gli agenti esogeni ad appianare e addolcire il paesaggio montano.

 

Dal punto di vista storico le prime frequentazioni degli esseri umani nelle Dolomiti risalgono all'11.500 a. C. I primi insedimenti fissi e staziali sono documentati e risalenti all'età del bronzo.

Nel corso del I millennio Avanti Cristo le Dolomiti furono popolate dai Reti e colonizzate anche dai Celti, che ebbero rapporti commerciali anche con gli Etruschi

 

Al giorno d'oggi numerosi Parchi tutelano questa importantissima area; il 26 giugno 2009 il Comitato Esecutivo della Convenzione sul patrimonio materiale dell'umanità dell'UNESCO, riunito a Siviglia, ha dichiarato le Dolomiti Patrimonio dell'umanità.

 

Sulle Dolomiti si è scritto molto, fantasticando e creando miti e leggende sulle loro origine. Tra le più famose vogliamo citarvi : 

La Leggenda del Regno di Fanes

La leggenda dei Monti Pallidi

Il racconto della giovane Cadina

Il regno stregato del Delamis 

La storia del Selvaggio di Pontives

La principessa stregata del Sassolungo

La leggenda di Re Laurino

 


 

Commenta questo Articolo :
Solo gli utenti Registrati possono inserire e visualizzare i commenti sugli articoli

Effettua Il Login qui a lato oppure Clicca qua per Registrati


 

Accedi

Effettua il Login:

Nome utente*
Password : *
Ricordami

LogoAlpeTeglio

 

I nostri Partner :

 

 

Condivimi Su :

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo contenuto si è rivelato utile ? E' sicuramente la cosa fondamentale, ma se vuoi ringraziarci ulteriormente puoi fare una donazione libera ! Grazie di cuore

Paypal: