itenfrderues
 

Monte Cornizzolo e Corno Birone da Valmadrera (Lc)

 

CARATTERISTICHE:

Dislivello: 860 mt. di dislivello positivo, 70 mt. dislivello negativo

Attrezzatura: Scarpe semplici da escursionismo, cibo e indumenti per ripararsi nello zaino

Difficoltà:  (?)

Tempo impiegato: 2.30 ore 

DESCRIZIONE:

 

Quella che vi presentiamo in questo articolo è una piacevole e a tratti abbastanza tecnica escursione, che permette di ammirare diverse cime del Triangolo Lariano (Corno Birone 1116 mt, Monte Rai 1261 mt e il Monte Cornizzolo 1240 mt. con il sottostante Rifugio SEC Marisa consigliere), allo stesso tempo offre una bellissima visuale sui piccoli laghi briantei, sulla Brianza e sul ramo lecchese del Lago

Potete seguire tutto il percorso sulla Cartina Kompass nr. 91 - Lago di Como e Lago di Lugano

 

Partenza da Valmadrera (Lc), Comune situato poco prima di Lecco lungo la SS36. Usciamo a Valmadrera centro e posteggiamo al termine della Via Trebbia, davanti ad alcune case negli appositi spazi bianchi. Quota di partenza 300 mt.

Troviamo subito un tabellone illustrativo sui Massi Erratici, e in particolare sul "Sass Negher" (sasso nero) un masso di grande dimensione dal colore prettamente scuro.

Valmadrera (Lc), Via Trebbia 

Lasciata la vettura seguiamo la freccia indicata dal cartello che invita a svoltare a destra, dopo poche decine di metri costeggiamo alcune case private e ci addentriamo in un prato.

Seguiamo la serie di cartelli "Sass Negher-Sentiero 1” e proseguiamo in leggera salita.

Costeggiamo l'ultima recinzione di un terreno e iniziamo a salire nel bosco, le pendenze diventano subito sostenute e proseguiamo immersi tra le piante.

Valmadrera (Lc), Sentiero per il Sass Negher 

Dopo circa 20/30 minuti di strada a tornanti in salita arriviamo al "Sass Negher", un particolare Masso Erratico (rocce di grandi dimensioni, provenienti dalle alte vallate alpine, trasportati dai ghiacciai in espansione durante le glaciazioni più recenti), dal caratteristico colore scuro quasi nero della sua roccia.

Lasciandoci il "masso alle spalle" proseguiamo in salita all'interno di una valletta, prestare attenzione alle rocce

Sassh Negher - Particolare masso erratico  

Incontriamo finalmente un primo tratto pianeggiante, sempre nel bosco, che ci permette di riposare un pochino le gambe.

Seguiamo il cartello che indica "Sentiero naturalistico dei massi erratici" e proseguiamo, le pendenze ritornano a essere sostenute.

Sentiero 1, Sentiero dei Massi Erratici parte alta 

Usciamo dalla linea del bosco e continua a salire con una pendenza diventa sempre più sostenuta, il sentiero in questo tratto si sviluppa all'interno di un vallone dominato dalla grande mole del Corno Birone (1116 mt.) che raggiungeremo sulla sua vetta.

Il sentiero è solamente uno, è impossibile quindi sbagliare, ed è contrassegnato da numerosi segnavia bianchi e rossi che riportano il numero 1.

Il sentiero 1 verso il Corno Birone 

Dopo circa 1 ora di salita il sentiero ci concede una piccola pausa, ci troviamo in una piccola conca erbosa, il Ceppo della Forcola (796 mt.), come indicato da un cartello

Troviamo anche alcuni cartelli escursionistici che indicano, Corno Birone Sentiero n. 1

Ceppo della Forcola 

Seguiamo le indicazioni proposte e riprendiamo a camminare, naturalmente in salita !

Sempre a tornanti con pendenza marcata riprendiamo a guadagnare dislivello, questa volta dritto davanti a noi c'è ben visibile il Corno Birone, alla nostra sinistra si scorge in un punto una bellissima visuale anche sull'Abbazia di San Pietro al Monte 

Raggiunto un altro cartello escursionistico, che indica sempre Corno Birone Sentiero n. 1, intersechiamo un nuovo sentiero, che proviene da Civate (Lc) e che porta anch'esso in vetta al Corno Birone, già recensito su Saliinvetta a questo indirizzo.

Con il medesimo percorso proseguiamo quindi verso la vetta, nell'ultima parte della salita incontriamo anche alcune catene per aiutarci a superare brevi salti di rocce.

Verso la cima del Corno Birone, tratto con le catene 

Dopo 1 ora e mezza e quasi 800 mt. Di dislivello ci troviamo in vetta al Corno Birone (1116 mt.), con la sua grande croce che domina da un lato il ramo lecchese del Lago, il Monte Barro (922 mt.) e via via tutta la Brianza con i sottostanti laghetti briantei

Dopo una pausa trascorsa in vetta, ci lasciamo la croce alle spalle e proseguiamo in direzione del Monte Cornizzolo (1240 mt.) e Rifugio SEC già visibile davanti a noi.

Corno Birone, croce di vetta a 1116 mt. 

Il sentiero perde qualche decina di metri di dislivello e successivamente riprende a salire puntando un'evidente conca. Troviamo anche un cartello escursionistico che indica Rifugio SEC/Monte Cornizzolo, la nostra meta finale

Una volta raggiunta la conca ci troviamo a pochissima distanza dal vicino Monte Rai (1261 mt.), siamo ora su una bellissima dorsale erbosa e tutto il dislivello della gita è stato compiuto !

Dal Corno Birone al Monte Cornizzolo, Sentiero 1

Dal Corno Birone al Monte Cornizzolo con vista al Monte Rai 

Seguiamo in costa il tracciato fino a raggiungere la "Bocchetta di San Miro" posta ad una quota di 1181 mt.

Qui i cartelli possono trarre in inganno, noi dobbiamo seguire le indicazioni per Monte Cornizzolo/Rifugio SEC proseguendo diritti nel bosco in leggera pendenza.

Dopo circa 50 metri di fitto bosco sbuchiamo sulla strada carrozzabile principale che percorre la dorsale del Monte Cornizzolo (la stessa che sale anche dal versante di Longone al Segrino (CO), descritta in questo itinerario)

Svoltiamo quindi a sinistra (in leggera discesa) e proseguiamo, i 50 minuti indicati dal cartello per raggiungere il Rifugio sono estremamente abbondanti, in circa 20 minuti lo raggiungeremo.

Bocchetta di San Miro

Monte Cornizzolo Strada Carrozzabile 

Proseguiamo quindi intersecando anche un sentiero che proviene da destra contrassegnato da un cartello "Sentiero n. 6 Terz'Alpe/Canzo", percorso che trovate anch'esso recensito su Saliinvetta in questo articolo.

Raggiungiamo così il Rifugio SEC (Società Escursionisti Civatesi) alla quota di 1050 mt, alle spalle è presente il bellissimo Monte Cornizzolo (1240 mt.), la sua cima è raggiungibile in 15/20 minuti e ve la consigliamo !

Monte Cornizzolo e Rifugio SEC Marisa Consigliere (1050 mt.) 

Croce vetta del Monte Cornizzolo - 1240 mt.

Panorama sui Corni di Canzo, Monte Rai, Corno Birone e Rifugio Consigliere

Discesa con panorama sul Monte Barro e sul Resegone

Panorama su Lecco

Il panorama dalla Vetta è splendido, verso nord si scorge un tratto del Lago di Lecco e le cime della Valtellina e della Svizzera, a nord-est il Monte Rai, i Corni di Canzo, le Grigne, il Resegone. Verso Sud e il panorama verso tutta la Pianura Padana fino agli Appennini.

 

Per la via di discesa manteniamoci sullo stesso tragitto dell'andata (tempo in discesa circa 1.50 ore). Facciamo molta attenzione al sentiero che prosegue dal Corno Birone verso Valmadrera, alcuni tratti sono particolarmente esposti e il sentiero è molto ripido, procedere con cautela

 

Non perdetevi anche il nostro Videotrekking, che filma tutto l'itinerario di salita:


 

Commenta questo Articolo :
Solo gli utenti Registrati possono inserire e visualizzare i commenti sugli articoli

Effettua Il Login qui a lato oppure Clicca qua per Registrati


 

Accedi

Effettua il Login:

Nome utente*
Password : *
Ricordami

I nostri Partner :

 

 

Condivimi Su :

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo contenuto si è rivelato utile ? E' sicuramente la cosa fondamentale, ma se vuoi ringraziarci ulteriormente puoi fare una donazione libera ! Grazie di cuore

Paypal: