Scialpinismo al Piz dals Lejs e Piz Minor lungo la Val da Fain, Alta Engadina Svizzera - 3/03/19

Sulla vetta del Piz Minor (3048 mt.) con il Gruppo SA2 Cai Valmadrera 

Nella giornata di domenica 3 Marzo, con il Cai di Valmadrera (Gita Sa2 del corso), decidiamo di raggiungere il Passo del Bernina (Svizzera); inizialmente la scelta era sul Piz Cambrena (3606 mt.), ma a causa di condizioni poco favorevoli sull'innevamento e situazione crepacci abbiamo optato per una differente gita, il Piz Dals Lejs (3044 mt.) e Piz Minor (3048 mt.) con partenza dal parcheggio della stazione Sciistica Davolezza/Lagalb (2093 mt.)

Potete seguire l'itinerario sulla Cartina Kompass nr. 99 - Alta Engadina

 

Partiamo da Lecco alle ore 5.45, con pochissimo traffico in strada raggiungiamo velocemente la dogana Svizzera dopo Chiavenna (So), proseguiamo sul Passo del Maloja (transitando anche nei pressi dell'Hotel Cristallina al Plaun da Lej, punto di partenza per diverse gite di scialpinismo) e proseguiamo in direzione Pontresina. Da qui proseguire in direzione del Passo del Bernina e lasciare la vettura nell'ampio parcheggio della stazione Sciistica del Diavolezza/Lagalb (2093 mt.), punto di fermata anche del bellissimo Trenino Rosso del Bernina.

Dal Posteggio di Diavolezza/Lagalb ci dirigiamo verso la Val da Fain 

La giornata da un punto di vista meteo è perfetta, con un bel sole e un giusto freddo, pericolo valanghe grado 1 dal Bollettino Svizzero.

Attraversata la strada asfaltata in direzione Nord-Est ci dirigiamo verso la Val da Fain, superiamo il torrente e proseguiamo in leggerissima salita verso l'Alp Bernina (2118 mt.)

Senza possibilità di errore proseguiamo lungo la Val da Fain (direzione N-E) fino a raggiungere orientativamente la quota di 2427 mt. Dell'Alp la Stretta.

Attraversamento del Fiume

Lungo la Val da Fain

Attraversamento di una valanga in Val da Fain 

Deviamo alla nostra destra in direzione Sud effettuando un lungo semicerchio verso un'evidente conca nevosa, qui le pendenze aumentano leggermente ma pur rimanendo sempre moderate.

Nell'ultimo tratto, poco prima del colle le pendenze si fanno abbastanza sostenute, ancora un ultimo sforzo e raggiungiamo un vasto pianoro a quota di 2850 mt.

in loc. Alp la Stretta deviare verso il Piz Minor

Risalire il pendio verso il Piz Dals Lejs e Piz Minor

Davanti a noi il Piz dals Lejs  

Lasciati gli sci in questo punto comodo ci siamo muniti di picozza e ramponi e abbiamo puntato la semplice cresta nevosa (con qualche roccetta) del Piz dals Lejs guadagnandone la vetta (3044 mt.), panorama dalla cima stupendo con vista al Piz Bernina, Piz Palù, la Valle di Livigno e uno scorcio sulla Valtellina.

Lungo la cresta del Piz dals Lejs

Piz Dals Lejs vetta (3044 mt.)

Dalla vetta del Piz Dals Lejs vediamo il Piz Minor

Salutata la cima abbiamo ripercorso a ritroso la cresta fino a ritornare al "deposito sci", a questo punto abbiamo messo gli sci sullo zaino effettuando la salita della cresta al Piz Minor (3048 mt.) leggermente più lunga e pendente della precedente, guadagnando così anche questa seconda vetta della giornata ! Inutile dire che anche dal Piz Minor si godeva di un panorama veramente unico.

Salita alla cresta del Piz Minor

Piz Minor vetta (3048 mt.) 

Dalla vetta con gli sci siamo scesi mantenendoci in direzione Sud lungo i primi pendii Nord del Piz Alv, successivamente ci siamo mantenuti lungo la Val Minor (vallata opposta a quella utilizzata per la salita).

Neve molto morbida e piacevole da sciare, soprattutto nella parte finale del percorso dove in alcuni punti era un divertentissimo firn primaverile.

Con gli sci siamo arrivati proprio nei pressi della partenza Funivia Bernina/Lagalb, sci in spalla abbiamo così ripercorso la strada asfaltata del Passo e in pochi minuti siamo ritornati al posteggio della stazione Sciistica del Diavolezza/Lagalb (2093 mt.), concludendo così un bellissimo giro ad anello.

Discesa verso la Val Minor 

In conclusione una giornata molto positiva, ambiente spettacolare al cospetto di giganti come il Piz Palù (3900 mt.), Piz Bernina (4049 mt.) e il Ghiacciaio del Morteratsch

Discesa molto divertente e piacevole su ottima neve

Itinerario effettuato con i nostri G3 Boundary 100 montati con attacco da TeleAlpinismo Kreuzspitze Telealp

 
Non perdetevi il Video ! Buona visione a tutti:


 

Commenta questo Articolo :
Solo gli utenti Registrati possono inserire e visualizzare i commenti sugli articoli

Effettua Il Login qui a lato oppure Clicca qua per Registrati


 

Accedi

Effettua il Login:

Nome utente*
Password : *
Ricordami

 

I nostri Partner :

 

 

Condivimi Su :

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo contenuto si è rivelato utile ? E' sicuramente la cosa fondamentale, ma se vuoi ringraziarci ulteriormente puoi fare una donazione libera ! Grazie di cuore

Paypal: